Filosofia

Nel 1913, l’architetto viennese Adolf Loos ha stabilito le sue 7 regole:

«Regole per chi costruisce in montagna»:

1. Non costruire in modo pittoresco.
Lascia questo effetto ai muri, alle montagne e al sole.
L’uomo che si veste in modo pittoresco non è pittoresco, è un pagliaccio. Il contadino non si veste in modo pittoresco. Eppure lo è.

2. Costruisci meglio che puoi. Ma non oltre le tue possibilità. Non darti arie. Ma non denigrarti neanche. Non metterti intenzionalmente a un livello inferiore di quello che hai ricevuto per nascita e per educazione. Anche quando vai in montagna. Parla con i contadini nella tua lingua. L’avvocato viennese che usa con i contadini un dialetto da spaccapietre deve essere eliminato.

3. Fa’ attenzione alle forme con cui costruisce il contadino, perché sono patrimonio tramandato dalla saggezza dei padri. Cerca però di scoprire le ragioni che hanno portato a quella forma.Se i progressi della tecnica hanno consentito di migliorare la forma, allora bisogna sempre adottare quel miglioramento. Il correggiato è stato sostituito dalla trebbiatrice.

4. La pianura richiede un orientamento verticale dell’edificio; la montagna richiede un orientamento orizzontale. L’opera dell’uomo non deve mettersi in competizione con quella di Dio. La torre di vedetta degli Asburgo disturba il profilo del Wienerwald, ma il Tempio degli Ussari vi si inserisce in modo armonioso.

5. Non pensare al tetto, pensa alla pioggia e alla neve. A questo pensa il contadino, e per questo nelle montagne costruisce il tetto più piatto che le sue conoscenze tecniche consentono.
In montagna, la neve non deve scivolare giù dal tetto quando vuole lei; deve scivolare quando lo vuole in contadino. Per questo, il contadino deve poter salire nel tetto senza pericolo, per rimuovere la neve.
Anche noi dobbiamo costruire il tetto più piatto che la nostra capacità ed esperienza tecnica ci consente.

6. Sei vero! La natura va d’accordo solo con la verità. Si trova bene con un ponte a traliccio metallico, ma allontana da sé gli archi gotici con torri fortificate e feritoie.

7. Non temere di essere considerato poco moderno. I cambiamenti delle tecniche costruttive tradizionali sono ammissibili solo quando comportano dei miglioramenti; in caso contrario, mantieniti ancorato alla tradizione. Perché la verità, anche se vecchia di centinaia di anni, ha con noi un legame interno più forte della menzogna che ci cammina accanto.

Infatti, le regole enunciate da Adolf Loos hanno ormai oltre 100 anni, ma hanno ancora molto da insegnarci.«Perché la verità, anche se vecchia di centinaia di anni, ha con noi un legame interno più forte della menzogna che ci cammina accanto.»

Arch. Adolf Loos
* 10.12.1870 a Brünn
+ 23.08.1933 a Kalksburg presso Vienna
Considerato uno dei pionieri dell’architettura moderna

20150822_152300
_DSC2660
3_Rendering